giovedì 2 aprile 2015

PAZIENZA

quella cosa che ti permette di aspettare senza ansia, aspettare senza accelerare, aspettare senza pensarci.
NON fa per me, non è per me, pensate che io non aspetto neanche che il microonde arrivi allo 00:00, spengo sempre prima perchè mi rompo di aspettare, mi irrita quella attesa, quello spazio temporale tra me e la cosa da fare, voluta, bramata.
L'attesa del piacere è essa stessa piacere per me è una gran cavolata, io le cose le voglio vivere, le voglio assaporare, ne voglio trarre beneficio, le voglio!

Cosa c'è di più bello della soddisfazione dei propri bisogni. Questa è la mia illusione. La verità è che passiamo una vita ad aspettare, a fare code e ci convinciamo che prima o poi arriverà il nostro turno; ed è anche vero che magari il nostro turno arriva, ma ci ricorderemo poi di che cosa avevamo bisogno? cosa stavamo veramente aspettando?
C'è chi aspetta tutta una vita determinate cose.
Chi aspetta un'occasione 
chi aspetta una rivincita
chi aspetta una vendetta
chi aspetta sulla riva del fiume il cadavere del proprio nemico
chi aspetta che passi la notte 
chi aspetta la donna o l'uomo della propria vita e magari non saprà neanche riconoscerlo
chi spera e quindi aspetta di avere un figlio

si aspetta e si aspetta, senza ritegno. Allora forse la pazienza ce l'abbiamo dentro, cresce insieme a noi come le ossa e gli organi e più si va avanti con gli anni più si impara a nutrirla.
L'attesa mista a speranza...
Eppure io non mi arrendo, credo fermamente che se vuoi veramente una cosa devi alzare il culo e far di tutto per averla. Aspettare che arrivi non è pensabile, capita una volta su un milione di trovarsi al momento giusto nel posto giusto, e pure in quel caso, per trovarti proprio lì, in quel momento, non basta aspettare. Affrontare le cose, non arrendersi, non mollare mai. Bisogna alzarsi e prendersi ciò che si desidera.
E' più facile a dirsi che a farsi, ma io ci sto provando, grazie anche alla mia poca pazienza :)